https://www.facebook.com/pages/Evangelium/447120875339778?fref=tsDite agli smarriti di cuore "Ecco il vostro Dio ...." (Is 35)
Cerca nel forum
 
Previous page | 1 | Next page

STORICITA' DEI VANGELI

Last Update: 9/24/2011 7:14 PM
Author
Vote | Print | Email Notification    
4/6/2011 12:26 PM
 
Quote
Post: 228
Post: 222
OFFLINE
Presentazione
In questo forum raccoglieremo gli studi degli storici sulla Vita di Gesù perchè è utile che si sappia che i Vangeli sono documenti storicamente provati che attestano l'autenticità di Gesù morto in croce e risorto dalla morte per la nostra salvezza.
Verranno pubblicati di volta in volta le considerazioni degli storici più famosi sulle ricerche condotte su Gesù e sul suo Vangelo.
Potremo confrontarle esaminarle e sottoporle al parere di chi vorrà intervenire nella discussione del Forum.

Spero sia un lavoro utile per tutti noi.

Max.
4/6/2011 12:30 PM
 
Quote
Post: 228
Post: 222
OFFLINE
E.P.Sanders
Tratto da "Gesù Storico" di E.P.Sanders,
le note tra parentesi non sono del testo.

E.P.Sanders

I vangeli attualmente vengono intitolati: “secondo Matteo” , “secondo Marco2, “secondo Luca” e 2secondo Giovanni” Il Matteo e il Giovanni cui si fa riferimento erano due discepoli originari di Gesù. Marco era un seguace di Paolo, e probabilmente anche di Pietro; Luca era uno dei convertiti di Paolo, questi uomini – Matteo, Marco, Luca e Giovanni – vissero realmente, ma non siamo certi se abbiano scritto i Vangeli. La documentazione oggi disponibile indica che i Vangeli rimasero senza titolo fin verso la seconda metà del II secolo. Ho esposto le prove relative in altra occasione (si riferisce ad un capitolo precedente che possiamo sempre prendere in esame successivamente).

All’improvviso, verso l’anno 180 compaiono dei nomi. A quel tempo circolava un gran numero di vangeli, oltre ai nostri quattro, e i cristiani dovevano stabilire quali fossero dotati di autorità . Si trattava di una questione importante, sulla quale c’erano differenze d’opinione molto consistenti. Sappiamo chi vinse: i cristiani che pensavano che solo quattro Vangeli, non uno di più non uno di meno, rappresentavano una registrazione autorevole di quello che Gesù aveva detto e fatto.

Alcuni cristiani volevano che fossero riconosciuti più Vangeli, altri meno. Avanzerò qualche osservazione solo su una parte della storia: sull’esistenza dei Vangeli che alla fine non furono accettati nel cristianesimo universale. Questi Vangeli, di solito chiamati “apocrifi” (“nascosti”), hanno affascinato la gente per molto tempo. Alcuni (come il Vangelo degli Egiziani) sono andati perduti e li conosciamo solo tramite pochi brevi passi citati da autori di cui ci sono giunti gli scritti. Attualmente è possibile leggere molti vangeli apocrifi in traduzione, ma la maggior parte di essi fu scritta dopo il 180. Due relativamente tardi contengono notizie interessanti: il Vangelo dell’Infanzia di Giacomo e il Vangelo di Tommaso. Il primo è un Vangelo specialistico, come suggerisce il titolo: tratta solo della nascita e dell’infanzia d Gesù. Il vangelo di Tommaso è una raccolta di detti ritrovata fra vari manoscritti gnostici in Egitto. (lo gnosticismo era una concezione globale del mondo secondo la quale ogni cosa materiale era cattiva: il dio che aveva creato il mondo era un dio cattivo, e la creazione era malvagia. Gli gnostici cristiani ritenevano inoltre che il Dio buono avesse mandato Gesù per redimere le anime delle persone, non i loro corpi, e che Gesù non fosse un vero essere umano. I cristiani che non accettavano questo modo di vedere alla fine li dichiararono eretici.) Condivido l’opinione prevalente fra gli studiosi secondo cui poco veramente ben poco dei vangeli apocrifi potrebbe in qualche modo risalire ai tempi di Gesù. Essi sono leggendari e mitologici, e di tutto il materiale apocrifo solo alcuni detti riportati nel Vangelo di Tommaso sono degni di considerazione. Ciò non significa che possiamo operare una distinzione netta: i quattro Vangeli da considerare storici contro i Vangeli apocrifi da considerare leggendari.

In ogni caso è ai quattro Vangeli canonici che dobbiamo rivolgerci per trovare tracce del Gesù storico. Torniamo ora alle questione dei nomi apposti ai Vangeli. Gli investigatori cristiani si misero all’opera, e da certi dettagli presenti nei Vangeli, da loro considerati indizi per rintracciare l’autore, trassero convinzioni su chi avesse scritto ciascun Vangelo. Un esempio: nel Vangelo che oggi compare al quarto posto nel Nuovo Testamento, ha un ruolo eminente un “discepolo amato” mai nominato. Orbene questo Vangelo non nomina mai Giovanni, che pure era uno dei discepoli più importanti(come sappiamo dagli altri Vangeli, dagli Atti e dalla lettera di Paolo ai Galati). Gli investigatori cristiani del II secolo argomentarono che fosse proprio Giovanni, il quale si riferiva a se stesso come al “discepolo amato” preferendo tralasciare il suo nome. Il lavoro accademico e investigativo del II secolo fu molto perspicace. E’ proprio sulla base di indizi che anche oggi cerchiamo di ricavare informazioni circa gli autori di lavori anonimi. I loro nomi possono esserci anonimi ma non le loro caratteristiche. Comunque le conclusioni dei cristiani del II secolo sui nomi erano ben più solide di quanto possiamo credere e di quanto non dicano le prove. In Giovanni (cioè nel Vangelo omonimo), l’autore forniva qualche indicazione con i frequenti riferimenti all’innominato “discepolo amato”. Inoltre aveva sui nomi degli altri discepoli opinioni che sotto certi aspetti differiscono da quelle di Matteo, Marco e Luca (vedi uno dei capitoli successivi pag. 123-125). Tuttavia non possiamo pensare che il suo modo particolare di trattare i discepoli fosse con l’intenzione di indicare il suo nome. E’ probabile che i cristiani non vedessero la necessità nel primo secolo di menzionare gli autori e non si preoccupassero di conoscerne i nomi. E’ molto probabile che in origine i Vangeli fossero intitolati solamente “Il Vangelo di Gesù Cristo” senza indicarne gli autori. Questo per non concentrare l’attenzione sugli autori che si voleva fosse diretta piuttosto al soggetto. Una storia anonima a quei tempi apparia più prestigiosa rispetto a quella siglata con un nome preciso. L’impatto del Vangelo di Matteo sarebbe risultato minore se l’autore avesse precisato questo è il mio scritto, la mia versione, anziché questo è “ciò che disse e fece Gesù”.
[Edited by maxis35 9/24/2011 7:14 PM]
Vote:
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
NUOVA DISCUSSIONE
 | 
AGGIUNGI COMMENTO
Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin | Regolamento | Privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:31 AM. : Printable | Mobile - © 2000-2024 www.freeforumzone.com